Isola di Pasqua. Viaggio tra i miti e i contrasti dell’isola più remota del pianeta
di Carla Riva

L’Isola di Pasqua è nota ai piú per i suoi iconici monoliti antropomorfi: i moai.
Eppure, questa terra di poco piú di 160 chilometri quadrati, patrimonio UNESCO dal 1995, ha una storia molto piú affascinante e complessa che merita di essere conosciuta: dalle turbolenti origini vulcaniche, all’arrivo dei primi esploratori polinesici che hanno aperto la rotta ad un susseguirsi di migrazioni pianificate, insediamenti, complessi ordinamenti sociali, grandiosi progetti architettonici.
Il tutto in uno dei luoghi piú isolati del pianeta, nel cuore dell’Oceano Pacifico.

Questa selezione di fotografie fanno parte di una raccolta di immagini della lunga permanenza sull’isola dell’autrice. La quotidianitá le ha permesso di integrarsi nella comunitá locale, adattarsi alla vita in un luogo estremo del pianeta, conoscerne la geografia, imparare di miti e leggende dai diretti discendenti dell’antico popolo polinesiano, e grazie al suo lavoro di grafica poter affiancare progetti archeologici mirati allo studio e alle ricerche ancora in corso in merito alla colonizzazione dell’isola e allo sviluppo della società rapanui.

Le immagini, scattate con diverse fotocamere e smartphone, vogliono essere un racconto visivo di una cultura estremamente differente da quella occidentale, testimonianza di una bellezza semplice e spontanea.
Uno sguardo fugace su una realtà lontana, ancora oggi attraente e misteriosa.

L’autrice

Grafica, web designer, fotografa appassionata di arte.

Informazioni

Isola di Pasqua. Viaggio tra i miti e i contrasti dell’isola piu’ remota del pianeta  di Carla Riva
Da sabato 28 Ottobre a domenica 19 Novembre 2017, Chiostro “San Francesco”, Montefiore dell’Aso (AP)

Vai all’evento Nelle terre estreme

mostra fotografica 2017 Italia